GO! 2025. 1 YEAR TO GO! Due città unica Capitale Europea Cultura: Gorizia e Nova Gorica sono pronte

Giovedì 8 febbraio a Nova Gorica e Gorizia gli eventi #borderless che lanciano il countdown verso il 2025, anno della Capitale Europea della Cultura.

I partner di GO! 2025 aprono le loro porte, per un piccolo assaggio delle attività in cantiere.

Scatterà giovedì 8 febbraio 2024 il grande countdown verso GO! 2025 Capitale Europea della Cultura: Nova Gorica – Gorizia si apprestano a celebrare, con una giornata intera di iniziative #borderless, nello spirito dell’investitura ricevuta – la data simbolica di avvio del conto alla rovescia verso gli eventi internazionali del 2025. L’8 febbraio 2025 sarà infatti la data ufficiale di inizio dell’anno Europeo della Cultura a cavallo fra Slovenia e Italia: una ricorrenza significativa e sentita dai due Paesi, perchè incrocia la Giornata nazionale della cultura in Slovenia – anniversario della scomparsa del grande poeta France Prešeren – con la nascita di Giuseppe Ungaretti (8.02.1888).

«Nova Gorica e Gorizia si preparano così ad affrontare assieme, per i prossimi 365 giorni, l’organizzazione degli eventi internazionali della Capitale Europea della Cultura 2025 », spiega Romina Kocina, direttrice di GECT GO, Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale che ha la missione di “costruire” una città transfrontaliera per attrarre nel 2025 un vasto pubblico, curioso di vivere l’esperienza di un territorio a cavallo tra le culture, le lingue, le vicende storiche.

Giovedì 8 febbraio si susseguiranno a Nova Gorica e a Gorizia alcuni “assaggi” delle proposte su cui stanno lavorando organizzatori e partner della Capitale. Appuntamenti pensati per vari target e interessi, in un mix di iniziative in lingua slovena, italiana o bilingue, così come avvengono gli scambi quotidiani degli abitanti nelle due città “gemelle«. Il conto alla rovescia per la cerimonia di apertura si aprirà alle 10 nella Piazza Transalpina/Trg Evrope, su cui si affacciano sia Gorizia che Nova Gorica ed è punto tangibile d’incontro fra Italia e Slovenia, il vero crocevia fra le due città. Sia a Nova Gorica che a Gorizia prenderanno poi il via le visite guidate a bordo di autobus #borderless, proposte in lingua slovena e italiana. Il tour proseguirà verso Parco Coronini Cronberg, Piazza Vittoria, Municipio, Borgo Castello, Valico di Casa Rossa. Quindi via in Slovenia, al Monastero di Castagnevizza al centro città di Nova Gorica, Eda Center sulla Delpinova ulica, Monumento a Edvard Rusjan, Bevkov Trg, Municipio, Salcano, con sosta sul ponte e ritorno in Piazza Transalpina/Trg Evrope. Ovviamente ogni corsa sosterà nei luoghi di particolare suggestione, e le guide a bordo saranno riferimento degli escursionisti per ogni approfondimenti storico e culturale. 

Il bus partirà alle 10 e alle 14.30, la visita dura circa 2 ore ed è necessario prenotare, fino ad esaurimento dei posti disponibili, entro mercoledì 7 febbraio attraverso l’Infopoint di PromoTurismo FVG a Gorizia (Corso Italia 9, tel. +39 0481 535764, email info.gorizia@promoturismo.fvg.it) oppure al Centro Informazioni Turistiche di Nova Gorica (Kidričeva ulica 11, tel. +386 5 330 46 00, email nova-gorica@vipavskadolina.si)

 

A Nova Gorica le iniziative per la giornata coincideranno con la Festa nazionale della Cultura, e proseguiranno alle 12.00 in Bevkov Trg, dove si svolgerà un recital di poesie di France Prešeren. In serata, alle 19.30 presso Xcenter, Krilo Rusjan, grande attesa per una delle anteprime del Programma Ufficiale GO! 2025, lo spettacolo di danza della MN Dance Company, nuovo corpo di ballo internazionale curato da Michal Rynia e Nastja Bremec Rynia. Molte altre iniziaive animeranno Nova Gorica per l’intera giornata, in collegamento con il Programma ufficiale della Capitale Europea: letture, conversazioni, laboratori, performance e proiezioni. E molte le sedi coinvolte, da Goriški muzej al Teatro Nazionale Sloveno. 

 

A Gorizia, invece, “GO! Borderless. Giovani, confini e il potere della comunicazione” sarà tema portante dell’incontro in programma alle 17.30 al Kinemax (Piazza Vittoria, 41), protagonisti gli studenti delle scuole cittadine, chiamati a confrontarsi direttamente sui temi della comunicazione con giornalisti professionisti come Toni Capuozzo, inviato di guerra e autore di molti saggi che interpretano passaggi cruciali del nostro tempo, e come il vicedirettore del Gruppo NEM Fabrizio Brancoli, affiancati dall’accademica Renata Kodilja, docente di Psicologia delle Relazioni, e di Relazioni di qualità ed etica delle organizzazioni all’Università di Udine. L’incontro, condotto dalla giornalista Anna Piuzzi, sarà introdotto dal saluto del sindaco di Gorizia, Rodolfo Ziberna. Al centro dell’evento, aperto liberamente alla partecipazione della città, ci saranno i giovani: studentesse e studenti universitari e degli Istituti Secondari di II grado e dell’università, chiamati ad accendere il confronto attraverso le loro domande, in una vivacissima agorà dedicata allo sviluppo di relazioni fra comunità diversei, anche transfrontaliere, e all’importanza della comunicazione per la costruzione di “ponti” reali e fecondi fra popoli e culture. L’incontro si aprirà con alcune letture affidate agli studenti del Liceo classico Dante Alighieri: un estratto dallo spettacolo teatrale “Dioniso”, con brani di Eschilo, Erasmo da Rotterdam ed altri autori. Seguirà il confronto fra giovani e relatori: un vero e proprio “ring”, per intrecciare domande e interventi legati al tema della “buona comunicazione”, con attenzione specifica agli elementi di multiculturalità, comunicazione etica e giornalistica, comunicazione pubblica. A conclusione l’omaggio a Giuseppe Ungaretti e France Prešeren, con una selezione di letture dalla loro opera in lingua italiana e slovena, a cura degli studenti del polo linguistico sloveno. A seguire – sempre al Kinemax alle 20.30 – l’anteprima del documentario Milko Bambič In Statu Nascendi. 

Potrebbero interessarti anche...